Tina e il granuloma eosinofilo

Tina e il granuloma eosinofilo"Esplosione" eosinofila

Nel mese di ottobre 2012, il granuloma eosinofilo è tornato a sfidarmi. Con la Tina, stavolta. Una sfida che già nelle battute iniziali si rivela più complicata di quella della Belinda.

Innanzitutto perché la Tina ha 11 anni, è ben poco manipolabile, si innervosisce con poco e non le si possono nascondere medicine nel cibo.
In secondo luogo perché effettivamente la sua manifestazione di granuloma eosinofilo è più grave di quella della Beli.
Tutto è cominciato giovedì 4 ottobre: torno a casa e la Tina ha un labbro superiore (il destro) gonfissimo, letteralmente il doppio dell'altro. Corro dal vet, i dottori che la vedono ipotizzano una puntura d'insetto o più probabilmente una ferita causata da un graffio, o dal suo stesso canino inferiore, storto e sporgente, che da sempre le "batte" contro il labbro superiore. Tra l'altro viene fatto un emocromo per vedere che non ci siano linfociti alti (e quindi infezione), e non ci sono... e per giunta anche gli eosinofili non sono affatto alti! La prescrizione è Baytril 50 mg e Deltacortene. Tuttavia, dopo la prima somministrazione di Baytril la sera stessa, nella notte - verso la mattina - lei vomita tre volte, anche l'anima: un vomito prima color giallo pannocchia, poi più chiaro e molto schiumoso. Decido il venerdì mattina, d'accordo col vet, di provare a non dare niente e vedere come va. Ma una volta terminato quel po' di effetto del Baytril il labbro riprende a gonfiarsi, così la domenica comincio con un antibiotico più blando, il Synulox. Nel corso di questi giorni, lei ha sempre vomitato nelle ore della mattina (verso le 4), in media 2 volte, succhi gastrici e pelo, perché si leccava molto, soprattutto la pancia...

ulcera indolenteL'esplosione vera e propria è stata martedì 9 ottobre. Labbro gonfio, gonfio l'occhio sinistro alla base dove c'è la ghiandola lacrimale, gonfio sopra lo stesso occhio con croste e pustole, pustole e crosta davanti all'orecchio sinistro... praticamente ogni volta che la guardavo le trovavo un nuovo "sfogo", per cui decido di tornare subito dal vet.

Stavolta la vede il "capo" che sentenzia subito: "Granuloma eosinofilo!". Tra l'altro le guarda anche la pancia, cosa che io non ero riuscita a fare, ed è piena di pustoline anche lì. Mi chiede anche: "Ma questa gatta è stressata?"... Eccome... e gli racconto un po' le dinamiche vessatorie che la vedono soccombere con quei due rompicoglioni di Bruno e Belinda. Lui le fa un'iniezione di antibiotico (Convenia) a lento rilascio e prescrive Soldesam (gocce cortisoniche) e granuli di Arsenicum Album (30CH) per lo stress. Mi dice anche di evitare cibi che contengano pollo... e questo già è difficile, perché la signorina non mangia di tutto; mangia solo croccantini, preferibilmente Royal Canin, e quasi tutte le referenze hanno il pollo.

Le terapie di Tina

Le terapie di Tina sono necessariamente un compromesso fra la necessità di curarla e quella di non stressarla. Con assoluta regolarità le ho quindi dato solo il Soldesam. Poi per un mesetto le ho dato sia Phyto-G che Redonyl, anche se ogni tanto saltavo qualche somministrazione. Le piacciono anche, ma lei è capace di innervosirsi lo stesso se le si dà una cosa che le piace in un momento sbagliato. L'Arsenicum Album invece, sebbene per il poco tempo in cui l'ho dato mi sia sembrato di notare un miglioramento, si è rivelato ben presto troppo complicato da somministrare... Il vet diceva che basta tenerle i granuli sotto le gengive per una ventina di secondi e massaggiare, ma dopo qualche volta era già impossibile. Ho provato a nasconderli dentro a crocchi "bucati", ma anche lì è durata poco.

In sostanza, alla Tina non si possono nascondere medicine nel cibo. Quindi se è qualcosa che lei lecca volentieri (come il Redonyl) si può anche provare, ma con tutto il resto è impensabile somministrarle cure che non siano strettamente necessarie (come antibiotici o simili) senza stressarla più di quanto sia il beneficio della cura stessa. Ho cercato quindi per quanto possibile di concentrarmi sull'alimentazione...

L'alimentazione di Tina

Come detto, la Tina mangia solo crocchi e neanche di tutte le marche. Predilige Royal Canin, ma mangia abbastanza volentieri anche Trainer Senior. Siccome quest'ultimo è monoproteico al maiale, ho cercato per quanto possibile di aumentarne la presenza nei suoi pasti. Però alla signorina piace anche variare, in sostanza per lei devo sempre tenere 3 tipi diversi di crocchi aperti... Quindi, a rotazione, mangia anche:
- Royal Canin Sensitivity Control (anatra come unica fonte proteica, riso come unica fonte di carboidrati); non le piace tantissimo, però.
- Royal Canin Sensible 33 (questo contiene pollo... ma le piace tanto...).
- Royal Canin Digestive Comfort 38 (a base sostanzialmente di pesce, anche se contiene "grassi animali" che non so se possano essere anche di pollame; questo dopo un iniziale entusiasmo le è piaciuto meno, quindi l'ho sospeso, contando di riprenderlo in futuro).

Informazioni aggiuntive